bug

Il termine bug (pronuncia ) o baco, in informatica, identifica un errore nella scrittura di un programma software. Meno comunemente, il termine bug può indicare un difetto di progettazione in un componente hardware, che ne causa un comportamento imprevisto o comunque diverso da quello specificato dal produttore. In certi casi, i bug in un programma possono essere particolarmente gravi, fino al punto di rendere vulnerabile ad attacchi informatici anche il computer che ospita il software. Un noto bug in un componente hardware è quello che nel 1994 afflisse l’allora neonato microprocessore Pentium, che in determinate situazioni restituiva risultati errati anche in semplici calcoli aritmetici. I primi Pentium infatti avevano problemi nella FPU (Floating Point Unit, Unità a virgola mobile o coprocessore matematico come si diceva in precedenza), a causa della quale restituivano come output valori errati in alcune operazioni decimali. In un primo tempo venne rilasciato un programma che escludeva questa unità; in seguito tutti i microprocessori vennero sostituiti. Un bug di un programma è un errore o guasto che porta al malfunzionamento di esso (per esempio producendo un risultato inatteso o errato). La causa del maggior numero di bug è spesso il codice sorgente scritto da un programmatore, ma può anche accadere che venga prodotto dal compilatore. Un programma che contiene un gran numero di bug che interferiscono con la sua funzionalità è detto bacato (in inglese “to be buggy”).

Torna su